fbpx

Quali sono i paesi che corrono più velocemente degli altri verso le energie rinnovabili?

Tanti e, ovviamente, il fine ultimo è sempre utilizzare tali energie per trovare strade sicure su come risparmiare in bolletta.

Non a caso l’opinione pubblica da tempo si sta concentrando su questa tematica per incentivarne l’utilizzo.

Il nostro paese, non è messo male, ma la strada è ancora molto lunga, nonostante gli ottimi risultati ottenuti grazie al fotovoltaico, l’Italia può e deve fare molto di più.

Ma ora, vediamo quali sono i paesi da cui dobbiamo ancora imparare, e tanto.

Gli States

Gli americani detengono un notevole primato in termini di energia eolica, parliamo quindi di una grandissima capacità energetica da sfruttare, per un paese che conta milioni di abitanti.

Insomma, gli americani sono sempre al primo posto anche in termini di energia rinnovabile e non solo in termini economici e dal punto di vista militare.

Questa la dice lunga sulla loro egemonia mondiale, minata spesso dalla Cina.

Possiamo quindi dire che in America tira un buon vento!

I Paesi Europei più virtuosi

I tedeschi sono attualmente i numeri uno in termini di solare fotovoltaico e non a caso la Germania, in Europa resta sempre una nazione leader e da cui prendere spunto.

Passiamo poi ai paesi scandinavi, da sempre precursori di tale cultura energetica.

Iniziamo dai danesi, che qualche tempo hanno ottenuto una notevole percentuale della propria elettricità sfruttando l’eolico.

La Danimarca risulta essere da sempre tra le nazioni più virtuose.

Restando in Scandinavia, diamo un’occhiata agli svedesi, che da tempo sono attivi nell’eliminazione dell’uso di carburanti fossili entro i propri confini nazionali.

La Svezia, infatti, punta ad investire sul solare.

Potrebbe interessarti anche: L’energia costa troppo: siamo al massimo storico!

Il centro America

Per quanto riguarda i paesi del Centro-America partiamo dalla piccola e particolare Costa Rica.

Lo stato del Centro America utilizza l’idroelettrico e altre fonti a basse emissioni di anidride carbonica, fattori che lo rendono un paese notevolmente virtuoso.

Mentre il Nicaragua ha investito negli anni addietro una notevole percentuale del suo Pil nello sviluppo delle energie rinnovabili.

Elemento che inserisce anche questa nazione tra le più virtuose.

E infine l’Uruguay attualmente alimentato quasi del tutto da fonti rinnovabili.

Leggi anche: Efficienza energetica: quanto è importante per risparmiare

I paesi del continente nero e la Cina

Tra i paesi africani e in particolare della parte settentrionale spicca il Marocco.

Lo stato magrebino solo pochi anni fa ha inaugurato il più grande impianto solare a concentrazione del Pianeta Terra, cosa non da poco per un paese considerato da molti esperti arretrato e poco avvezzo al progresso.

Grazie anche ad impianti eolici e idroelettrici i marocchini riescono a risparmiare notevoli tonnellate di anidride carbonica ogni anno, elemento che lo rende un paese attivo e virtuoso nell’utilizzo delle rinnovabili.

Dal Maghreb passiamo al Kenya, paese che da tempo punta sul sole e sull’eolico per ridurre la dipendenza dalle importazioni di energia elettrica.

Importazioni di notevole spesa.

E infine i cinesi, che sono stati i primi, qualche anno fa, in termini di capacità installata di energia eolica.

Non a caso, sempre qualche anno fa, hanno battuto anche gli americani.